La funzione dello psicologo in età evolutiva è quello di favorire la ripresa di un percorso di crescita che per qualche motivo si è fermato e/o ha incontrato degli ostacoli.  Per questa ragione ci si rivolge non solo al figlio ma alla coppia genitoriale.

I colloqui psicologici sono finalizzati ad aiutare i genitori a comprendere, a favorire e  a sostenere il processo di sviluppo psico-emotivo del proprio figlio.
Alle volte il lavoro sull’ambiente (la famiglia)  in cui il  bambino cresce può essere sufficiente al ripristino delle condizioni di uno sviluppo normale. Un genitore, che comprende il significato profondo del disagio del figlio e riesce a rispondere ai suoi  reali bisogni, permette non solo il rientro del sintomo, ma agisce sulla causa del suo malessere.

Se il disagio invece è conseguente ad eventi più o meno traumatici è necessario il lavoro con il bambino in modo diretto.
Nel percorso psicoterapeutico si possono usare diverse tecniche: il gioco, il disegno, il racconto, l’EMDR…  Quest’ultima tecnica permette di elaborare i ricordi traumatici  e di potenziare le risorse del bambino.